L’Equazione di Cassandra

libri nuova uscita feltrinelli mondadori anno 2016 thriller narrativa amore gialli romanzi psicologia esoterismo hobbybook sito recensioni libri passione lettura no profit community pubblicita proprio libro gratis

L’Equazione di Cassandra

Lorenzo Quadraro

Recensore : Alessandro Salemme

L’equazione di Cassandra è una storia malinconica che parla di amicizia, passione, violenza e ricerca dele proprie radici. Due storie che procedono parallele, ma che confluiscono in un unico finale che apre una finestra sull’Assoluto e svela il significato dell’opera e la sua completezza sono nelle ultime pagine. Tra noir, passione e misticismo, un testo suggestivo che appassionerà il lettore, incollandolo alla vicenda, pagina dopo pagina. Voglio iniziare così, voglio iniziare cosi perché è grazie a quelle poche righe elencate prima che ho iniziato a leggere “L’equazione di Cassandra”, poche righe che però ti danno l’impressione di avviare un qualcosa che è pronto a stupirti.
I personaggi del libro sono vari, tutti con un’identità diversa ed un destino completamente diverso, ma poi, tutto d’un tratto si intreccia il tutto, rendendo il libro unico, interessante e avvincente. Iniziare a leggere “L’equazione di Cassandra” è una cosa che non avrei immaginato, un libro che all’inizio mi dava l’impressione di potermi annoiare, ma poi ogni capitolo, ogni qualvolta si finisce di leggere ci si ritrova con una voglia di continuare, di continuare per scoprire cosa succede dopo. Ogni personaggio ha una particolarità, un qualcosa che fa innamorare e che ti fa ricordare sempre di esso, iniziando da Giulio per poi finire ad Ilaria.
Giulio è un ragazzo semplice, normale, che studia Fisica e che è in procinto di laurearsi con un obbiettivo ben preciso. Poi c’è Adele, una ragazza bellissima che lavora come ballerina in un locale notturno e poi c’è Ilaria, una mamma single la cui unica preoccupazione è la figlia Alice. E chi è Cassandra? Beh questo tocca scoprirlo, bisogna leggere questo splendido libro, fino alla fine, fino all’ultima riga per capire il tutto.