9 Novembre

libri nuova uscita feltrinelli mondadori anno 2016 thriller narrativa amore gialli romanzi psicologia esoterismo hobbybook sito recensioni libri passione lettura no profit community pubblicita proprio libro gratis

9 Novembre

Collen Hoover

Recensore : Elena Costanzo

E’ il 9 novembre quando Fallon e Ben si incontrano così “per caso”.

Fallon è a pranzo in un ristorante con il padre per comunicargli la notizia del suo trasferimento da Los Angeles a New York, col quale non ha un buon rapporto dopo l’incidente, avvenuto proprio in questo giorno, che le ha lasciato cicatrici su tutto il lato sinistro del  viso e del corpo, obbligandola a lasciare la sua carriera di attrice.

 

Quindi, il 9 novembre per Fallon segna la fine della sua carriera e di come l’aveva immaginata.

 

Ben, aspirante scrittore, è nello stesso ristorante e i due si conoscono in una maniera del tutto inusuale: il loro incontro segna qualcosa di magico e i 9 novembre per Fallon, dopo aver conosciuto Ben, acquistano un sapore diverso, di felicità e non più di autocommiserazione.

Dopo il loro incontro i due siglano un patto, ovvero quello di rincontrarsi per i prossimi cinque novembre nello stesso giorno, stesso posto e stessa ora.

Ma ogni anno verranno fuori scenari diversi e notizie sconvolgenti che metteranno a dura prova il loro amore e le loro promesse. Cosa succederà?

 

Mi sono approcciata a questo romanzo facendomi travolgere da ogni pagina ed emozione: la Hoover sa sempre come stupirti, anche nel suo modo di scrivere, dinamico e pieno di suspance.

 

Mi sono da subito affezionata al personaggio di Ben, capace nel suo essere di far rinascere nuovamente Fallon.

 

Molto spesso, anzi quasi sempre, si pensa che nella realtà, nella nostra vita di tutti i giorni, tutto questo non possa accadere ma i due protagonisti ci insegnano che tutto è possibile se lo si desidera davvero: è possibile innamorarsi al primo incontro, di realizzare i propri sogni nonostante i mille ostacoli e soprattutto di guardare oltre quello che una persona può mostrare, poiché alcune cicatrici sono visibili ma altre, quelle dell’anima, non lo sono ed entrambe meritano lo stesso rispetto senza recare loro pregiudizio.