Spalla di murgia

libri nuova uscita feltrinelli mondadori anno 2016 thriller narrativa amore gialli romanzi psicologia esoterismo hobbybook sito recensioni libri passione lettura no profit community pubblicita proprio libro gratis

Spalla di murgia

Rocco Carella

Recensore : Federica Biffi

I pascoli, le greggi, il verde, il pane, la mozzarella, l’altopiano della Murgia. La vicenda si svolge tra le colline della Murgia Alta, sono gli anni Ottanta e la masseria di Nuccio risulta minacciata dalla proposta di una signora milanese che vuole rinnovare il territorio costruendo un resort. Significa la disfatta di un’attività durata anni, di una cultura ormai radicata tra le colline baresi, di un ambiente naturale privo di artifici umani.

 

Ma nella cittadina arriva Belle, una giovane ragazza canadese, che porta una ventata d’aria fresca e rivoluzionaria. Belle sta scappando da un matrimonio fallito, da una grande delusione d’amore, ritrovandosi coinvolta nella questione. La ragazza entra in sintonia con le persone del posto e decide di aiutare attivamente i paesani nell’opporsi a interessi prevalentemente economici di chi vuole sconvolgere il territorio progettando edifici, portando turismo, “offrendo posti di lavoro”. La sua lotta ostile diventa di grande aiuto per il mantenimento della tradizione, come un simbolo di cosa significhi di più tra l’amore per la propria terra e il cinismo della modernità. Oltre a far emergere l’importanza del rimanere uniti, Belle riscoprirà se stessa e i sentimenti che può provare ancora dopo una storia finita male.

 

Dalla scrittura, semplice ma coinvolgente, emerge un affetto profondo da parte dell’autore per la sua infanzia, che arriva quasi a una nostalgia dei luoghi che frequentava da bambino. L’amore per la terra, per i nonni, per gli animali e per tutto ciò che di più semplice esiste per sentirsi bene dentro, per rimanere uniti nel mantenere intatte le proprie origini senza disintegrare tutto con la tipica frenesia dell’uomo moderno impegnato a distruggere per ricostruire in una lotta continua contro se stesso. La minaccia della società moderna contro l’importanza dei luoghi densi di cultura con persone legate emotivamente alle proprie terre diventa il filo conduttore di tutto il racconto.