Due Racconti per una notte

libri nuova uscita feltrinelli mondadori anno hobbybook sito recensioni libri gratis pubblicita proprio libro gratis

Due Racconti per una notte

David Berti

Recensore : Giovanna Perna

“Due Racconti per una notte”: il titolo descrive appieno ciò che ci si aspetta da questo libro di 50 pagine. Un libro che leggi la sera, prima di andare a dormire.

Bisogna, per forza di cose, gustarlo in un momento della giornata in cui si è più rilassati e si è in totale silenzio perché David Berti ha la capacità di esprimere in modo impeccabile le sensazioni vissute dai protagonisti, quasi da rendere vivide le emozioni e palpabili i contesti.

 

Un solo libro con due racconti. Due racconti che oscillano tra due generi letterari in contrapposizione fra loro: il surreale ed il reale. Oppure, piuttosto del termine “surreale”, potremmo parlare di dimensione profonda dell’animo umano.

 

I protagonisti dei due racconti sono due persone, due uomini diversi tra loro per età e modo di vivere con priorità e pensieri completamente differenti, ma entrambi si catapultano in un vero e proprio viaggio “inside”.

 

Il primo racconto, intitolato “Il Falco Pellegrino” racconta di un sogno, o meglio, di un obiettivo personale e della fatica con cui viene raggiunto, finalmente, quell’obiettivo. Parla di un percorso tortuoso, di salite e di sudore e, infine, della meta desiderata. Quasi come fosse una metafora con la vita di ognuno di noi: strade dissestate, sdruccioli, lacrime e dolore per arrivare ad una meta prefissata nella nostra mente; fatica che non si avverte, o almeno di affievolisce, se la meta prefissata è veramente desiderata.

 

Il secondo racconto intitolato “Trance Alcolica” racconta di un incontro con un personaggio del passato, e di una sensazione di inadeguatezza al mondo odierno. Anche questo, come il primo racconto, può essere rapportato alla vita di ognuno di noi: alla continua “lotta” con il possesso del corpo altrui ed, allo stesso tempo, alla voglia di liberarsi dai pensieri pressanti e negativi, affogando le proprie inadeguatezze nell’alcool. “Lotta” che viene placata, come nella vita reale, dall’aiuto di chi comprende appieno lo stato d’animo provato e cerca di portare sollievo nella propria e nell’altrui vita.

 

Un libro coinvolgente che presenta uno stile semplice e lineare e viene letto tutto d’un fiato.

Consiglio di leggere questo libro se si ha voglia di viaggiare con la mente, di rilassarsi e di staccarsi, per un attimo, dal mondo reale.